Link tagging: come tracciare le tue campagne

Crello-l-alternativa-a-Canva
Crello, una valida alternativa a Canva
17 aprile 2018
colorzilla - weblovers -
ColorZilla: trova il codice del colore che desideri
27 aprile 2018
link tagging - google analytics

L’utilizzo del link tagging è fondamentale per conoscere l’andamento delle nostre campagne e migliorare quelle future.

Sappiamo che non tutte le campagne si comportano allo stesso modo. Per questo motivo abbiamo bisogno di aggiungere un’etichetta (un tag) ai nostri link per conoscere la provenienza del traffico.
Perché? La risposta è semplice: se vuoi distribuire il budget nel migliore dei mosi tra i vari canali che sta utilizzando, dovrai sapere da dove vengono le tue visite e quali generano un ROI più alto.

Cos’è il link Tagging?

Il link tagging è una delle funzioni di Google Analytics, che ti consente di tracciare le campagne promozionali non AdWords, come le tue campagne sui social network, quelle collegate alle tue campagne DEM o, ancora, quelle paid search su Bing.
Nel concreto, utilizzare il link tagging significa aggiungere dei parametri della campagna agli URL di destinazione utilizzati nelle campagne di destinazione. Questo ti consente di raccogliere informazioni circa l’efficacia delle compagne e comprende quali sono più preformanti a discapito di altre.
Quando un utente risponde all’invito della tua call-to-action, quindi fa clic su un link del referral, i parametri definiti vengono inviati ad Analytics. I risultati sono disponibili poi nei rapporti Campagne.

Perché utilizzare il link tagging?

Ogni campagna pubblicitaria richiede un budget specifico ed ha suo specifico comportamento, quindi l’utilizzo del link tagging ci consente di conoscere veramente da dove proviene il traffico.
La conoscenza di questi risultati è fondamentale perché:

  • il comportamento degli utenti varia in base alla fonte;
  • ci sono canali che generano visitatori che producono maggiori conversioni, ed è fondamentale conoscerli;
  • ogni fonte di traffico produce un costo differente.

Come si inseriscono i tag nei link?

I parametri da aggiungere ai tuoi URL sono 6:

  • tag utm_source, è un parametro obbligatorio di Google Analytics utilizzato per personalizzare il valore della sorgente. In questo campo puoi specificare il valore della dimensione sorgente, che corrisponde al luogo dove hai pubblicato il link promozionale (es: facebook.com; sitoesempio.it, ecc);
  • tag utm_medium, è il parametro obbligatorio di Google Analytics utilizzato per personalizzare il valore del mezzo di traffico Ad esempio per una campagna DEM, possiamo impostare “newsletter” e per una una campagna facebook “post”
  • tag utm_campaign, è il parametro obbligatorio di Google Analytics che ti consente di dare un nome specifico alla campagna e quindi di personalizzarla. Ad esempio, se la tua campagna riguarda le vacanze estive ed è relativa solo alla Puglia, potresti popolare il tag utm_campaign con: “campagna_estate_puglia”.
  • tag utm_content, è un parametro opzionale di Google Analytics, che corrisponde alla dimensione contenuto dell’annuncio. Utile per differenziare alcune caratteristiche dei tuoi annunci e valutare la performance di alcuni aspetti specifici delle tue campagne.
  • tag utm_term, parametro opzionale di Google Analytics utile nelle campagne SEM (ricerca a pagamento) diverse da Google AdWords, come ad esempio  nelle campagne Bing Ads. Puoi personalizzare la dimensione “parola chiave”, cercata dall’utente che ha cliccato l’annuncio.

 

Ecco un esempio: 

Ipotizziamo che ci interessa conoscere il comportamento degli utenti rispetto ad una nostra campagna DEM, ed in particolar modo conoscere il traffico relativo alle offerte pensate per la Puglia.

Come nell’immagine di seguito, il nostro URL sarà così composto:

  • Campaign Source:  Newsletter
  • Campaign Mediums: Email
  • Campaign Name: Estate_Italia_2018
  • Campaign Content: Estate_puglia_2018

 

esempio url builder

L’URL COMPLETO sarà il seguente: 

url builder

Il procedimento è molto semplice, consigliamo di creare un gruppo di tag, che ti facilitano il monitoraggio attraverso Google Analytics.

Per la condivisione social ti consigliamo di semplificare il tuo link utilizzando Google URL Shortener o, ancora, customizzarlo con Bitly 

 

Serena Guida
Serena Guida
Serena di nome ma non di fatto. Sono una viaggiatrice curiosa, maledettamente curiosa. Appena posso, preparo la valigia e parto. Il mondo del turismo e dei viaggi è stata sempre la mia passione e la base di ogni mia scelta, di studio e lavoro. Non so precisamente da dove è nata questa passione. Forse dalle ore attaccate al finestrino ad ascoltare i racconti di mia madre nei nostri lunghi viaggi in auto. E’ curiosità di scoprire quei luoghi raccontati che non mi fa mai stare ferma con la mente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *